NEWS

Usura bancaria:banca condannata per mancato assolvimento dell’onere probatorio

banca_usura_copii

Con la sentenza n. 4353 emessa il 17 novembre 2014, il Tribunale civile di Lecce – Seconda Sezione civile – nella persona del giudice dr.ssa Annafrancesca Capone, ha condannato la Banca Nazionale del Lavoro a corrispondere agli attori la complessiva somma di € 6.687.074,47, oltre interessi al saggio legale dal 30 ottobre 2009 al saldo, per aver accertato l’illegittimità dell’operato dell’istituto di credito nella parte in cui ha applicato ai rapporti di conto corrente oggetto di giudizio tassi di interesse ultralegali, capitalizzazione trimestrale degli interessi, spese di tenuta conto, commissioni di massimo scoperto e valute non pattuite.

Ma la sentenza, se da un lato, sottolinea il mancato assolvimento dell’onere probatorio da parte della banca e rigetta la domanda riconvenzionale per € 8.095.420,38, dall’altro condanna la stessa banca al pagamento di € 7.281.491,27 per la nullità di anatocismo, saggi ultralegali, capitalizzazione trimestrale, massimo scoperto e spese, con una forbice di € 15.376.911,65 in favore delle clienti.